Abi e Cab

Banca-impresa .com vi offre un servizio utilissimo per la ricerca del codice ABI e del CAB della vostra banca. Selezionate nel modulo sottostante la banca e la cittÓ dove siete clienti.

Seleziona la tua banca :


Seleziona una banca
Ricerca
Cambio valuta




Per i numeri decimali utilizzare la virgola
I tassi di cambio sono presi in tempo reale da yahoo!Finanza

 

Trattamento di fine rapporto

Il destino della tua liquidazione dipende da te.

Il sistema pensionistico italiano ha subito, dagli anni Novanta ad oggi, un processo di riforma volto a contenere la spesa pensionistica in modo da garantirne la sostenibilità finanziaria.                                        
La riforma è incentrata sullo sviluppo di un sistema pensionistico basato su due “pilastri”. Il primo è rappresentato dalla previdenza obbligatoria (erogata da Inps, Inpdap, Casse professionali ecc.) e assicura la pensione di base; Il secondo è rappresentato dalla previdenza complementare per garantire a tutti i lavoratori la possibilità di mantenere un adeguato tenore di vita anche dopo il pensionamento. Una delle novità più importanti della Riforma riguarda il Trattamento di Fine Rapporto (TFR).

Il TFR , in passato nota come liquidazione, è la somma di danaro corrisposta dal datore di lavoro al lavoratore al termine del rapporto di lavoro dipendente.

Come si determina?

Il TFR si determina accantonando per ciascun anno di lavoro una quota pari al 6,91 % della retribuzione lorda. Gli importi accantonati sono rivalutati, al 31 dicembre di ogni anno, con l'applicazione di un tasso costituito dall'1,5% in misura fissa e dal 75% dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo Istat.

Al momento della liquidazione, il TFR è tassato, in linea generale, con l’applicazione dell’aliquota IRPEF media del lavoratore nell’anno in cui è percepito. Per la parte di TFR che si riferisce agli anni di lavoro decorrenti dal 1 gennaio 2001, l’amministrazione finanziaria provvede poi a riliquidare l’imposta, applicando l’aliquota media di tassazione del lavoratore degli ultimi 5 anni.

A scegliere l’utilizzo del proprio TFR sono chiamati tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori dipendenti del settore privato. Lo ha stabilito il decreto legislativo 252/05 entrato in vigore l’1 gennaio di quest’anno.

I lavoratori che non devono scegliere

Non sono chiamati ad effettuare la scelta sul TFR:

  • le lavoratrici e i lavoratori domestici,
  • le lavoratrici e i lavoratori del pubblico impiego.


Scelta sulla destinazione del TFR  [>>> continua]




|Scelta sulla destinazione del Tfr|